Il Napoli Europeo

Il Napoli è finalmente di nuovo agli ottavi di Champions League. Volevo solo approfittarne per una precisazione. Perché nella mia analisi sulla difesa a 4 ho escluso i dati “europei” del Napoli? Ci sono alcuni motivi, che elencherò velocemente.

Naturalmente mi riferivo a questa analisi. Iniziamo semplicemente dando i numeri: il Napoli di Sarri, in Europa, ha giocato 14 partite in un anno e mezzo, tutte contro difese a 4, segnando 34 reti, per una media di 2.43 (in Serie A sono 2.39, contro le difese a 4, dopo la partita contro l’Inter). La media è incredibilmente in linea con quella della Serie A, insomma. Perché ho eliminato (e continuerò ad eliminare) l’Europa dallo studio allora?

  1. In Europa si affrontano squadre molto poco omogenee rispetto alla Serie A, sia come valore, sia come stile.
  2. Mentre in Italia abbiamo un ampio campione anche contro le altre squadre della stessa competizione, in Europa non è così, perché le squadre giocano poche partite lì.
  3. In Europa si affrontano squadre molto più forti, di solito, rispetto alla Serie A (questo in effetti magnifica il risultato ottenuto dal Napoli).
  4. In Europa, in genere, si prova a costruire anziché a distruggere, quindi permettono al Napoli di sviluppare il proprio gioco e cercano di contrastarlo col loro, anziché cercare di distruggerlo e giocare in contropiede.
  5. Il campione è ridotto ed un paio di partite contro avversari molto forti in difesa (il Villarreal dell’anno scorso) o molto deboli (il Midtjylland dell’anno scorso) o semplicemente “adatti” al Napoli (il Benfica di quest’anno) possono “rovinare” le medie.
  6. In Europa troppe volte si fanno veri e propri calcoli. Il Napoli nel primo tempo col Benfica ha pensato prima a non prenderle, perché col pari avrebbe passato il turno. Si è sciolto nella ripresa dopo aver saputo del dominio della Dynamo Kiev sul Besiktas ed ha fatto in tempo a fare 2 reti, ma avrebbe potuto farne di più (se avesse giocato 90′ col piede sull’acceleratore) o meno (se il Besiktas avesse vinto, forse il Napoli avrebbe badato a difendersi per 90′) per motivi indipendenti dallo stile di gioco. L’altro esempio è Napoli-Dynamo Kiev: Sarri ha detto che il risultato di Besiktas-Benfica ha condizionato la partita al punto da non farla giocare con intensità, visto che quella decisiva a quel punto era quella di Lisbona. Inutile includere una partita del genere in un calcolo.
  7. In EL il Napoli ha snobbato la competizione al punto tale che Callejon ha saltato il ritorno col Villarreal. E’ una cosa clamorosa, perché è l’unica partita che Callejon abbia saltato per scelta tecnica da quando è arrivato al Napoli (ne ha saltata un’altra per squalifica, poi le ha giocate tutte, in tutte le competizioni), ma dà un’idea del poco interesse della squadra per l’EL.

Per questo motivo io tenderei sempre a separare l’Europa dal campionato nelle analisi (e lo stesso vale per la Coppa Italia).

Però volevo ugualmente portare alla vostra attenzione quel dato incredibile: 2.43 gol a partita. In linea con la Serie A. Quando il Napoli affronta una difesa a 4, è sempre pericoloso. In effetti per costituzione il Napoli è probabilmente più adatto a giocare in Europa che in Italia: tutti usano la difesa a 4, ti fanno giocare, ti attaccano e se riesci a rimanere corto e stretto puoi fare del male. Ovviamente i valori di certe squadre sono tali da rendere tutto ciò problematico (contro il Barcellona, la questione della loro difesa è decisamente secondaria), però il Napoli in campo internazionale non deve temere nessuno e continuare a giocare come sa.

Un’ultima annotazione che non riguarda la sola Europa, ma tutti i dati su difese a 3 ed a 4: c’è stato dello scetticismo. Alcuni ritengono che sia un caso (un caso che dura 2 anni e mezzo con una differenza così ampia), anche se c’è una spiegazione tattica precisissima che riguarda l’uso dei mezzi spazi. Ma più che altro hanno attirato la mia attenzione quelli che hanno detto cose tipo “e allora il Sassuolo, che ha la difesa a 4?”

Non è che avere una media più alta implichi che il Napoli segnerà sempre di più con le difese a 4. Non è così che funziona la media. Mi sembra incredibile doverlo dire, ma le partite singole hanno un’importanza relativa. E’ per questo che si usano le medie e si usa un campione statistico molto ampio. Può capitare la partita da 3 gol contro la difesa a 3 (anche se a Sarri in Serie A è capitata solo 2 volte in 2 anni e mezzo) e può capitare di fare 1 solo gol o persino 0 ad una difesa a 4 (quest’anno solo col Sassuolo in Serie A abbiamo fatto meno di 2 gol). Ovviamente le probabilità sono diverse. Ma avere (per esempio) il 75% di possibilità di successo in qualcosa, vuol pure dire che una volta su 4 andrà male. Purtroppo sembra che la gente fatichi col concetto di probabilità in tali casi, o pensa che siccome ha i favori del pronostico, debba vincere sempre o il pronostico (le probabilità) non ha alcun valore. Non è così che funzionano medie e probabilità, ma ciò non vuol dire che il Napoli non abbia un grosso problema contro le difese a 3, da risolvere.

Non avere una punta non semplifica la vita. Ma il Napoli ha un rendimento che dipende principalmente da altri fattori. Sarà giusto dare a Sarri un altro pezzo dal mercato, a gennaio, per dargli tutte le armi che chiede (così come è stato fatto, ad esempio, nello sforzo per prendere Maksimovic, anche se Sarri tende a preferirgli pure Chiriches). Ma bisogna anche rendersi conto che la punta, senza accorgimenti tattici, non risolverà un determinato tipo di partite, mentre in altre il Napoli va bene già così. In molti, troppi pensano che con una punta il Napoli sarebbe chissà dove e che questi risultati, col solo Gabbiadini di ruolo (che poi neanche lui sarebbe perfettamente di ruolo), siano un miracolo. I fatti dicono altro. Il Napoli sarebbe stato già ora secondo se solo avesse saputo difendere i vantaggi casalinghi con Lazio e Sassuolo e soprattutto se sapesse giocare meglio contro le difese a 3. Premesso ciò, da adesso a febbraio sulla carta il Torino è l’unica squadra che la impiega abitualmente (e dovrà venire al San Paolo). Bisognerà approfittarne per quanto possibile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...